La postura fondamento della meditazione. parte 1

postura

In tutti i tipi di meditazione si attribuisce molta importanza alla postura per una serie di motivi:

– Invia informazioni alla nostra mente.

– Permette un’ottima circolazione energetica la quale poi si traduce in una migliore qualità di concentrazione.

– Consente una stabilità del corpo che permette la calma del respiro e del pensiero

– È una sorta di segnale simbolico della nostra pratica in grado di ispirarci.

In fin dei conti, anche normalmente la postura parla di noi (Linguaggio del corpo). Ma nel caso della meditazione, essendo indotta ha un valore ATTIVO sui nostri pensieri perché INVIA UN MESSAGGIO.

La postura del corpo ci ricorda continuamente lo scopo della meditazione Nelle pratiche più rigorose delle tradizioni orientali, la postura di ogni parte del corpo invia UN MESSAGGIO BEN PRECISO. Nella meditazione Vipassana ci sono le seguenti indicazioni che, tradotte in modus occidentale, possono essere molto utili:

✴La spina dorsale dritta tiene la confusione sotto controllo

✴La posizione delle gambe incrociate tiene a bada l’invidia e la gelosia

✴La mano destra e la mano sinistra in grembo aiutano a tenere il rancore sotto controllo.

✴La testa tenuta in modo tale che la punta del naso sia in linea con il vostro ombelico e la lingua che tocca il palato significa tenere il desiderio sotto controllo.

Quest’ultima posizione ha come effetto anche un rallentamento della salivazione e una migliore circolazione dell’energia.

MLO

Laboratorio per conoscere e sperimentare nuovi approcci alla meditazione per menti occidentali.

View my other posts